ScenikaLab contro lo spreco alimentare!

da | Feb 2, 2023 | Impronta sul territorio

Il tema green è molto caro alla nostra associazione: il Green Tour dal tema “Riciclo” è stato realizzato in molte scuole di Milano e Monza Brianza.

In questo periodo stiamo organizzando un diverso tipo di Tour sul tema dello “Lo spreco alimentare”, gratuito per gli istituti scolastici.
La motivazione è responsabilizzare tutti, adulti, bambini e ragazzi, sulla sostenibilità ambientale.

Perché è importante parlare di alimentazione?

Importante innanzitutto per il valore nutrizionale e per il piacere del cibo, in seconda istanza per i problemi legati ad una cattiva alimentazione. L’argomento si può approfondire in base alle sfumature di cui si vuole parlare.

Per spreco alimentare si intende qualsiasi sostanza sana o commestibile che in ogni fase della catena alimentare, invece di essere destinata al consumo umano, viene sprecata, persa, degradata. 

Il paradosso dello spreco è che ci sono tonnellate di cibo gettate nella spazzatura ogni giorno, soprattutto nelle società occidentali, mentre milioni di persone, dall’altra parte del mondo, soffrono la fame. Sprecare il cibo significa sprecare le risorse che si sono impiegate per produrlo (coltivazione del suolo, acqua, energia negli impianti di produzione, ecc.). Inoltre il cibo sprecato diventa un proprio vero rifiuto di cui occuparsi.

Se pensiamo allo spreco di cibo nelle mense scolastiche rintracciamo le cause: l’eccessiva dimensione delle porzioni proposte nel piatto e che quindi vengono in gran parte avanzate, la poca attenzione e cura nella preparazione e presentazione delle pietanze e la mancata possibilità di recuperare, o destinare ad altri usi, gli avanzi del pasto.

Questi dati mostrano quanto ancora ci sia da lavorare per affrontare il problema dello spreco alimentare nelle scuole e nelle case. 

Nelle scuole è possibile sensibilizzare al tema parlando di uso, abitudine, consumo e spreco. In che modo? Attraverso il teatro pedagogico. 

Parliamo di educazione alimentare partendo dal tema dello spreco del cibo. Il format da noi proposto ha la durata di 2 ore complessive all’interno di ogni ordine di scuola, dall’infanzia alle scuole superiori.

La metodologia teatrale risulta interattiva e comprende esercizi teatrali di presentazione e riscaldamento, momenti di brainstorming sul tema e improvvisazioni teatrali a seguire. Si propongono anche quiz teatrali o momenti di drammatizzazione a partire da un video, da una lettura o dagli estratti di un libro.

Per esempio, la lettura tratta da “Margherita Dolcevita” di Stefano Benni – il libro verrà mostrato agli studenti.

“Mia madre era commessa di un negozio che è stato sbranato da un centro commerciale, e ora lavora per noi. Prepara il polpettone yesterday. Dentro ci ricicla tutto: la scaloppina di ieri e il prosciutto della merenda scolastica, le zampe della gallina e la buccia del formaggio”


Un esempio pratico

Attivazione A : i ragazzi, carta e penna alla mano, vengono divisi in piccoli gruppi e descrivono i metodi migliori di conservazione e consumo del cibo, dopodiché inscenano possibili soluzioni – improvvisazione a piccoli gruppi. 

Attivazione B: lettura “Le giornaliste di moda non mangiano tiramisù (tema dello spreco del cibo nelle mense scolastiche). Ai ragazzi verrà chiesto di improvvisare sul tema – lavoro scenico – cercando di trovare una soluzione al cibo che viene gettato via. 

Dispositivi scenici: materiali da riciclo, maschere e teli. 

Input del conduttore durante lo sharing: Cosa possiamo fare per arginare lo spreco?

  • Pianificare la settimana alimentare per ridurlo 
  • Conservare in frigorifero o congelare gli alimenti
  • Comprendere la differenza tra: consumare entro il e consumare preferibilmente entro il; nel secondo caso i cibi possono essere ancora mangiati. 
  • Acquisto consapevole: compro ciò che riesco a consumare nel breve periodo – se il prodotto non è a lunga conservazione.
  • eccetera (spesso le risposte arrivano dai ragazzi e vengono condivise con gli insegnanti e gli esperti che mediano ed elaborano)

Questa è una delle tante attività che può essere proposta ai ragazzi delle scuole medie. Tutte le attivazioni del format sono calibrate per età e specificità.

Quale modo migliore per affrontare un argomento mettendosi nei panni dei personaggi?

Vi invitiamo a contattarci per avere ulteriori informazioni sui nostri progetti e servizi

Vuoi contattarci?

Compila il form, ti richiamiamo noi entro 48 ore!